tearrazza_del_pincioNella nostra lista dei posti più romantici e suggestivi di Roma, non poteva mancare il luogo che per eccellenza assurge a questa definizione. Un angolo della città davvero imperdibile, immerso in un parco storico della Capitale. E' Villa Borghese infatti che custodisce il Pincio, il primo giardino pubblico di Roma. Insieme fanno parte del Colle Pinciano, una zona che non rientrava nei confini originari della città e nei sette colli ma che era inclusa all'interno della mura innalzate dall'imperatore Aureliano tra il 270 e il 273.

Il Pincio ha tanto da raccontare, non solo per ciò che riguarda il suo affascinante trascorso storico.
Ne ha di aneddoti sui primi appuntamenti, sulle passeggiatine romantiche e sui pomeriggi passati a chiacchierare sulle sue famose panchine.
La sua terrazza ci offre una vista su Roma sensazionale. Piazza del Popolo , il Rione Prati, il Vittoriano, il Quirinale e un susseguirsi di cupole dove spicca in tutto il suo fascino la più imponente, quella della Basilica di San Pietro.

panchine_del_pincioIn epoca antica, il parco era la sede di alcune ville delle famiglie aristocratiche più importanti della città. Nel IV secolo si insediò la famiglia Pincii che coniò il suo attuale appellativo.
Solo nel 1816 la zona, sotto impulso di Napoleone I, venne rivoluzionata grazie al progetto dell'architetto Giuseppe Valadier che, con la costruzione della piazza e con la sistemazione del giardino, ne fece uno dei parchi e delle zone più interessanti della città. Unendo il colle più bello di Roma alla Porta Flaminia e a Piazza del Popolo, creò una composizione simmetrica in perfetto stile neoclassico.

Da quel momento, il Pincio entrò nel cuore dei romani, affezionati in maniera particolare alla sua famosa passeggiata. Testimone il fatto che si popola continuamente di giovani e comitive che tra l'affitto di un risciò o dei pattini a rotelle e un gelato o un aperitivo al bar, trascorrono pomeriggi e serate davvero piacevoli. Questo vale soprattutto per le coppiette che possono sfruttare al meglio ciò che questo affascinante posto sa offrire.

roma_dal_pincioUn panorama mozzafiato, un parco storico dove si ergono opere artistiche di una certa rilevanza, ampi viali costeggiati da pini secolari, palme e querce sempre verdi. Una parte di Roma dove è facile creare nell'aria la giusta atmosfera per farvi calare romanticamente i vostri momenti più magici.
Tra una passeggiata e l'altra, ci si imbatte in opere sorprendenti come la scenografica fontana dell'Acqua Vergine, articolata su due piani , alla cui sommità si trova una famosa terrazza dove è possibile godere di un panorama della città senza eguali. Tappa assolutamente obbligata per una passeggiata romantica.
E se volete sorprendere la persona che vi interessa sfoderando il vostro inaspettato senso culturale, tra l'obelisco egizio – conosciuto anche come obelisco pinciano o più esattamente di Antinoo – l'idrocronometro posizionato in Viale dell'Orologio e i busti di oltre duecento italiani illustri di tutti i tempi, vi è l'imbarazzo della scelta.
Per non parlare dell'edificio che più di ogni altro nella zona suscita un certo interesse, la Casina Valadier.
Di rara raffinatezza, avvallata dall'eleganza dello stile neoclassico, venne costruita nel 1813 e fin da subito divenne un locale alla moda, uno dei più signorili della città, ritrovo caratteristico di artisti e politici.
All'interno, (per chi vuole azzardare) una caffetteria e un ristorante d'elite.

In qualsiasi momento della giornata, il Pincio conserva sempre il suo aspetto irresistibile. Dalle prime ore del mattino, con la foschia che lentamente si apre penetrata dai primi raggi timidi del sole, passando per l'ora del crepuscolo, mentre le case e i monumenti si tingono del colore caldo del tramonto, fino alla sera, quando un insieme di piccole luci accendono nel buio il magnifico panorama.
Non esitate a trascorrervi quelli che potrebbero diventare i vostri momenti più belli...il Pincio è una carta da giocare, centra sempre nel segno con il suo fascino senza tempo.