Venerdì, 22 Marzo 2019

amazon prime video

Libri e scrittori

Ogni città si può osservare sotto diversi punti di vista. Roma ha tanti punti di vista d'autore: sono quelli degli scrittori che la amano, la odiano, la sopportano o la supportano, che la conoscono profondamente o la sfiorano appena rimanendo comunque colpiti dalla sua unicità. Le loro voci corrispondono a infiniti colori e sfumature che ci danno un quadro sempre nuovo da osservare in ammirazione.

E_in_mezzo_il_fiume_art‘Il fiume di Roma è davvero biondo, fangosamente biondo. Ha un colore morbido, un colore screziato di bagliori dorati, qui e là virato al verde.’ Le sue sponde, ‘deqquà e dellà’, sono state unite per la prima volta dal ponte Sublicio, il più antico di tutti, prima dei re di Roma.
Così lo sguardo della scrittrice Sandra Petrignani nel suo libro E in mezzo il fiume. A piedi nei due centri di Roma, edito da Laterza, attraversa Roma come il Tevere, lambendone ogni angolo. Gli archi dei ponti che si riflettono nell’acqua, un’isola Tiberina che nasce dalla leggenda, i colpi di cannone del Gianicolo che annunciano le dodici.
Osserva animata da continuo stupore l’autrice, come forse sa fare solo chi, come lei, pur essendo cresciuta a Roma, non vi è nata. Nessuno scorcio è mai scontato, e ogni vista, anche se continua, suscita sempre emozione. Con parole simili a pennellate sapienti, Sandra Petrignani dipinge un quadro di Roma raro e prezioso, un’opera davvero raffinata.

Leggi tutto...

Storie_bastarde_artUn’Ostia degli anni ’70 fa da sfondo alle storie di una ‘banda di mocciosi, sputi e nutella, pallone e fionde, pizza e mortazza’. Niente telefonini o Playstation: gli amici si chiamano al citofono e poi tutti a giocare a calcio in pineta, fino a sera, quando i genitori urlano dal terrazzo che la cena è pronta.
Cominciano così le Storie bastarde raccontate da Davide Desario, giornalista de Il Messaggero, nel suo brillante romanzo d’esordio edito da Avagliano.
Sono gli anni in cui in TV scorrono le immagini di Heidi e di Vermicino, e nei bar, accanto ai juke box che suonano Sotto il segno dei Pesci, ci sono i ragazzi fatti di eroina. Ostia cresce a dismisura, ma viene segnata per sempre da ferite come l’omicidio di Pasolini e la banda della Magliana.
Eppure la strada può anche insegnare, e tra quei ragazzi, etichettati ‘di vita’, quasi tutti ce l’hanno fatta. Quasi.

Leggi tutto...

icaniIn valigia solo piacevolissime letture per godere i tanto desiderati giorni di relax che ci attendono in vacanza.  Con poca spesa (non oltre i 18 Euro) e poco volume, 4 autori romani ci raccontano storie, alcune anche ambientate a Roma, comunque romantiche, eroiche, divertenti e storiche e…piene di indizi. Un bagaglio leggero che spazia dagli intrighi di palazzo, alle famiglie sgangherate, ai popoli, fino alla narrativa per ragazzi.

Leggi tutto...

facciamolo_a_skuola_artScioccante, incredibile, eppure così vero Facciamolo a skuola, l’ultimo libro di Marida Lombardo Pijola edito da Bompiani. Racconta storie di quasi bimbi con internet per balia, Peter Pan di un mondo virtuale nel quale nascondono il proprio io e esibiscono il proprio corpo, a volte vendendolo, sempre più persi, sempre più soli.

Leggi tutto...

quelli_che_per__lo_stesso_artLaurea con centodieci e lode e dottorato di ricerca con borsa. Silvia Dai Prà esce dalla scuola come studentessa e vi rientra come insegnante di una scuola serale con sede a Ostia, in un ecomostro del litorale.
Dalla sua esperienza di precaria nella periferia romana, nascerà Quelli che però è lo stesso, editori Laterza,  viaggio tormentato e incredibile nel mondo della scuola. Di chi la fa e di chi la frequenta.
La scuola come teatro di prova per una vita che non riserva molti applausi, e dove insegnanti e studenti sono costretti a recitare la parte del precario.
La Dai Prà, con sguardo acuto e stile immediato, si tiene lontana dal diario scolastico e si avventura in un mondo dove ieri e oggi, giovani e adulti, diritti e ingiustizie franano sotto il peso della precarietà.
Una precarietà che non è solo lavorativa, ma anche esistenziale, e accomuna tutti, in uno scontro che forse non è più solo generazionale, ma di comunicazione. ‘Io penserò mi sembrava intelligente, lei penserà mi sembrava diversa, io penserò che stupidi i giovani, lei penserà che squallidi gli adulti’.

Leggi tutto...

la_Costituzione_spiegata_a_mia_figlia_artUna domenica di pioggia. Magari si può andare al cinema a vedere Pinocchio, ma la gita non si può rimandare a lunedì : bisogna andare a scuola e al lavoro.
Perché?”, chiede una bambina al papà. “Perché lo dice la Costituzione.”
Comincia così, ne La Costituzione spiegata a mia figlia, edizioni Einaudi, il viaggio nell’atto su cui si fonda ogni Stato democratico. A rispondere, è Giangiulio Ambrosini, che per qualche ora smette le vesti di magistrato e veste quelle di un papà che spiega alla propria figlia com’è nata la nostra Carta fondamentale e come tutela la vita di ognuno di noi.
Dal principio di uguaglianza ai diritti inviolabili della persona, dal diritto allo studio a quello al lavoro: diritti che sono anche doveri, perché le esigenze del singolo non possono mai prescindere da quelle dell’intera società. La sovranità appartiene infatti al popolo, e spetta ai cittadini esercitarla, nel rispetto delle leggi, partecipando alla vita civile e democratica del paese.

Leggi tutto...

Come_due_stelle_nel_mare_artManca qualche giorno a Natale. E’ una serata buia, piovosa, e a Roma si teme che il Tevere possa esondare da un momento all’altro. Sull’autobus 175, diretto alla stazione Piramide, siedono quattro ragazzini.
“Ah, questi rumeni, questi rumeni assassini, avete sentito di quello…”, mormora qualcuno, evitando anche solo di guardarli. Sull’autobus c’è anche la giornalista Carlotta Mismetti Capua, l’unica a rivolgere loro la parola. Sono afgani i ragazzini, e sono sporchi perché sono arrivati a Roma a piedi da Tagab, al confine con l’Iran. Hanno camminato per 4950 chilometri tra le montagne piene di neve, mangiando due mandorle al giorno e indossando solo delle felpe di cotone.
Con il piglio della giornalista e lo slancio di chi non riesce a voltarsi dall’altra parte, Mismetti Capua decide di fare qualcosa. Non dà ai ragazzi solo dei soldi, ma anche un cellulare, perché la cosa non finisce lì, anzi, è solo l’inizio.

Leggi tutto...

le_italiane_artSi dice che la storia sia sempre stata scritta dai vincitori, anche se a giudicare da quello che ci è stato insegnato a scuola, verrebbe piuttosto da dire dagli uomini. Rari e preziosi libri come Le italiane, a cura del Telefono Rosa e edito da Castelvecchi, dimostrano però che  la storia è stata fatta anche dalle donne.  
Donne che hanno dato un contribuito essenziale alla nascita del nostro paese. Politicamente, prendendo parte al Risorgimento, culturalmente, da scrittrici, poetesse, giornaliste, e socialmente, costruendo ospedali, orfanotrofi e mense per chi non aveva niente.
L’Associazione Nazionale Telefono Rosa firma questo libro, dando, come fa da oltre vent’anni anni, ancora una volta voce alle donne, per celebrare i 150 anni di unità nazionale. Un cammino che ha garantito i diritti politici, giuridici, economici e sociali di cui oggi godiamo.

Leggi tutto...

Garbatella_combat_zone_artE’ un corpo a corpo il combat zone, un combattimento senza armi, senza esclusione di colpi, dove tra te e chi hai di fronte c’è solo la rabbia e la voglia di vincere. Alla Garbatella, il quartiere dove Valerio Natali è nato e cresciuto, è anche e soprattutto una macchina per fare soldi. Ma per Valerio no, lui lo fa solo per adrenalina.
Questo è il Garbatella combat zone, romanzo edito da Voland, il luogo fisico e dello spirito, dove lo scrittore Massimiliano Smeriglio fa muovere il protagonista, Valerio, pesce per metà di mare e metà di fiume, attraverso acque torbide, alla ricerca di sé stesso.
Dovrà perdersi, prima di ritrovarsi, in fughe rocambolesche da una parte all’altra del mondo, oltrepassando più volte il limite della legalità.
Valerio in testa ha un’idea pulita, da realizzare sporcandosi le mani. Nelle orecchie, parole che non dimentica: “ Ricordati sempre da dove vieni e chi sei, ma non lasciarti imprigionare dalle radici. Non vivresti una vita ma una testimonianza.”

Leggi tutto...

product-2897063Al nostro incontro stupisce la profondità delle domande di questo grande uomo, nonché illustre fisico. Dall’alto dei suoi 91 anni di età (li compirà ad aprile) Giorgio Salvini ci invita nel suo salotto per discernere con lui del  mondo e delle sue probabili origini. O ci parla della più stretta attualità, dell’Europa, della politica e di come va il paese.

L’anno scorso ai mille festeggiamenti per i suoi 90 anni, si è ‘incrociata’ la presentazione del libro “L’uomo, un insieme aperto”,  rilevanti imprese e concessioni autobiografiche di una vita da fisico.  Un libro interessante che illustra dettagliatamente ‘ la sua vita da fisico’, dove eventi storici e personali sono mescolati a grandi scoperte di cui Salvini è stato protagonista e spettatore. Come l’ideazione del sincrotrone al CERN di Ginevra e l’incontro, lo studio e i progetti con tanti suoi autorevoli colleghi. Amaldi, Bernardini, Salvetti sono solo alcuni dei nomi che con lui hanno lavorato.

Leggi tutto...

Divorzio_allislamica_a_viale_marconi_art‘In fondo non ero felice del matrimonio in sé, ma dell’idea di venire a vivere in Italia: la Mecca della moda. Era un segno del maktùb’. Così pensa Safia al momento di sposare Said, giovane egiziano come lei e immigrato in Italia, ma il suo maktùb, il suo destino, le riserverà non poche sorprese.
A Roma il marito la costringe a portare il velo, ‘un semaforo davanti al quale la gente deve fermarsi’ nel periodo post -11 settembre. Il velo però, riflette Safia, non è uno dei cinque pilastri dell’Islam, che prevedono gli stessi doveri per gli uomini e per le donne. Perché allora non gli stessi diritti? Se in paradiso gli uomini trovano delle bellissime vergini, com’è l’aldilà delle donne?
E le donne che girano seminude, sono davvero libere?
E’ alla voce di Safia che Amara Lakhous, in Divorzio all’islamica a viale Marconi, edizioni e/o, affida il confronto tra due mondi, le parole di chi non vuole giudicare, ma capire.

Leggi tutto...

le_luci_nelle_case_degli_altri_artC’è riuscita di nuovo, Chiara Gamberale. In un momento in cui il mondo dell’editoria non naviga certo in acque tranquille, il suo ultimo romanzo, Le luci nelle case degli altri, edito da Mondadori, è arrivato alla quarta edizione in un mese, e lei è l’unica donna a resistere nella classifica dei primi dieci libri più venduti.
Una storia originale, dove Maria, donna libera e piena di passione per la vita, amministra il condominio in cui vive con la figlia, la piccola Mandorla. Un incidente spegne prematuramente la vita della donna, e di lei rimane solo una lettera, in cui rivela che il padre della bambina abita proprio nel condominio.
Nessuno dei condòmini esce allo scoperto, ma tutti assieme cresceranno Mandorla.
I cinque piani ospitano così una commedia umana irresistibile, capace di toccare le nostre corde più profonde, e di far desiderare un po’ a tutti noi di abitare in questo condominio speciale di via Grotta Perfetta 315, Roma. Anche dopo l’imprevedibile, sorprendente finale.

Leggi tutto...

ali_di_farfalla_art‘Quella che andrete a leggere è soltanto una storia’, si legge nelle prime pagine. In realtà, Sergio Cellucci, in Ali di farfalla, Edizioni Progetto Cultura, fa molto di più che raccontare una storia. Affida a Sandro, il protagonista, le parole per spiegare cosa significa sognare di prendere per la prima volta tra le braccia Chiara, la propria bambina, e venire colpiti dal fulmine dell’handicap.
La più buia delle notti, apparentemente destinata a non finire mai, nella quale cominciare a muoversi a tentoni per ridefinire ogni cosa, anche quella che fino a quel momento si dava per scontata.
Poi, un giorno, le prime luci dell’alba, assieme alla consapevolezza che ‘il mio compito di genitore era quello di incollare due leggere e colorate ali di farfalla sul cuore del mio dolce angelo così da farla volare leggera sui cieli della vita e dell’amore’.

Leggi tutto...

viva_gli_anziani_artAnzianità non deve far rima con difficoltà, siano esse economiche o di salute, e la tendenza che vede il tessuto sociale attorno all’anziano sfilacciarsi col passare degli anni può essere invertita. Farlo significa garantire dignità e sicurezza a una fetta di popolazione sempre più consistente, e della quale tutti siamo destinati un giorno a far parte.
Da queste premesse, la Comunità di Sant’Egidio di Roma, da decenni impegnata nel volontariato, ha avviato nei rioni di Trastevere e Testaccio Viva gli anziani!, un programma capillare di assistenza, dedicato agli over 75, particolarmente numerosi nel centro città.
I risultati, pubblicati nel volume Viva gli anziani!, edito da Maggioli, con la presentazione di Andrea Camilleri, sono sorprendenti, e destinati a far riflettere chi ha sempre considerato la terza età un territorio troppo vasto per poter prendersene cura, se non a fronte di spese sociali altissime.

Leggi tutto...

le_conseguenze_del_caso_artPartenza per le vacanze. Meta la casa al mare a Fregene. Per Chiara, Marcello e la loro bimba Emma, si prefigura una tranquilla estate in famiglia. Anche il tragitto, pochi chilometri di strada da Roma, sembra essere il perfetto inizio di un periodo per stare finalmente insieme, all’insegna della tranquillità.
Ma non sarà niente di tutto questo, l’estate descritta ne “Le conseguenze del caso”, di Alessandra Fiori, edizioni Piemme.
Quella di Chiara e Marcello sarà una partita sul filo del rasoio, perché le carte verranno mischiate proprio dalla mano del caso, a cui ci si può affidare o opporre, ma che comunque lascia il suo segno.

Leggi tutto...

non_lasciarmi_maiE’ un romanzo d’esordio, Non lasciarmi mai, di Raffaella Arrighini, pubblicato da Edilet-Edilazio Letteraria.
L’autrice romana, classe 1974, ambienta nella sua città una storia fatta di sentimenti semplici, ma proprio per questo capace di andare direttamente al cuore.
Va di corsa incontro alla vita, Francesca, la giovane protagonista, appassionata jogger, e i suoi allenamenti sembrano quasi una metafora della vita, con le sue difficoltà e i suoi imprevisti.
Così, macinando chilometri sul lungomare di Ostia, la sua strada prenderà una direzione inaspettata, che la porterà a mettersi alla prova nel corpo e nell’anima, perché ‘ogni giorno crediamo che percorrere la strada in discesa. senza buche e a tratti in salita sia la scelta migliore da fare’.

Leggi tutto...

pres2Sono ossessioni, sono paure, sono i lettori che da spettatori diventano attori. Sono Gli incubi di Aspun (Edizioni Il Filo, 2010) che attanagliano lo stomaco che incombono sugli umidi vicoli notturni romani e sulle coscienze di tutti i protagonisti che lo scrittore Sandro Spanu unisce abilmente in un patto di solidarietà. Sono quattro racconti incasellati in una dinamica evolutiva ora incandescente e ora beffarda dell’umana condizione dove ultimo traguardo rimane la debole luce dell’ironia e dell’amarezza. Fatti di cronaca realmente accaduti traslati e rivestiti di una musicalità che diventa, nelle mani dell’ alter ego dello scrittore, l’investigatore privato Alessandro Aspun, la  faccia di quella  medaglia coniata sull’immagine di un presente che percorre le strade di un noir tipicamente cittadino  e di un passato che rivive dei ricordi di chi scrive.

Leggi tutto...

prove_di_felicit_artLa capitale è ancora capace di attirare chi è alla ricerca di un’occasione? E cosa offre, oggi, a chi si rivolge a lei?
Roan Johnson, in Prove di felicità a Roma est, edito da Einaudi, racconta la storia di Lorenzo, che arrivato a Roma per mettersi in pari con gli studi, impara le lezioni più importanti, non sui libri, ma per le strade della città.
In sella al suo scooter, consegnando pizze a domicilio, Lorenzo conoscerà il verismo di Verga e il neorealismo di De Sica, ma soprattutto conoscerà Samia, la ragazza che sa di sale.

Leggi tutto...

un_anno_a_impatto_zero_1New York, gennaio 2006: il termometro segna 22 gradi centigradi. Poche settimane prima un temporale ha colpito la grande mela con un’esplosione di tuoni e lampi verdi durante una nevicata.
Non è il trailer di un film catastrofistico, ma quello che lo scrittore Colin Beavan vede nella propria città.
Ma alla catastrofe siamo ormai vicini, dicono molti scienziati: ‘Non possiamo continuare a vivere in questo modo, (…) il pianeta non può tollerarlo’.
E così Beavan esce dal coro di chi ritiene responsabili di tutto questo esclusivamente politici e multinazionali, e decide di fare qualcosa come singolo individuo.

Leggi tutto...

il_libro_della_gioia_perpetua_1E’ un libro fuori dal comune, Il libro della gioia perpetua, di Emanuele Trevi, edito da Rizzoli, difficilmente definibile, se non dal suo stesso stile.
Averlo tra le mani è già come un’anticipazione della sua essenza. La copertina rigida, importante, con il dorso di stoffa un po’ ruvido, dove una bambina punta il suo sguardo su di noi, intenso e fisso.
E sono proprio questi occhi ad accompagnare le vite dei personaggi, mettendole a fuoco con l’interesse incondizionato e la nuda semplicità, che può avere solo chi guarda per la prima volta.
E’ uno sguardo impregnato di una forza autentica, capace di smuovere e di emozionare, e di darci l’illusione di riavvicinarci all’età quando, da bambini, eravamo simili agli dei.

Leggi tutto...

Sostieni i progetti di CESVI Onlus, combatti la fame e povertà nei paesi più poveri del mondo.
Ti preghiamo solo di ricordarlo nelle ricorrenze importanti scegliendo i regali solidali di CESVI, oppure le bomboniere CESVI, tra cui le bomboniere solidali battesimo e i scatoline portaconfetti CESVI per rendere l'evento ancora più speciale.

Info testata

Il portale EZ Rome e' una testata giornalistica di carattere generalista registrata al tribunale di Roma - Numero 389/2008
Direttore responsabile: Raffaella Roani - ISSN: 2036-783X
Questo Periodico è associato all'USPI - PI 09041871006

Info contenuti

Non si dà nessuna garanzia sulla correttezza delle informazioni e si invita esplicitamente a verificarne l'attendibilità con mezzi propri.
creative commons
This opera by Ez Romeis licensed under a Creative Commons Attribuzione-Non commerciale-Condividi allo stesso modo 2.5 Italia License.