n°   407
Giovedì, 27 Aprile 2017

Ti potrebbe anche interessare

Teatri e teatrini

Tanti, grandi, piccoli, famosi, innovativi, sperimentali, itineranti: i teatri romani incontrano tutti i gusti, attirano giovani compagnie e grandi star dello spettacolo, aprono le loro porte a un pubblico appassionato e ai critici della stampa. Ognuno ha la sua storia speciale da conoscere!

quirinetta4Cala il sipario e le luci si spengono. E’ il 6 dicembre 2002 quando il Teatro Cinema Quirinetta, quella finestra sul mondo che sapeva ben raccontare la realtà e le trasformazioni che avvenivano in Italia, chiude i battenti. Passa circa un decennio e Geppy Gleijeses, direttore artistico del Teatro Quirino, insieme a Willer Bardon rilevano lo stabile ridandogli vita e riportandolo alla sua funzione di location destinata a spettacoli dal vivo. E’ lo stesso Willer Bardon a dichiarare, in occasione della conferenza stampa per la riapertura del Teatro che: “E’ proprio in un momento di crisi come quello che oggi sta attraversando l’Italia che occorre avere il coraggio di investire nella cultura. Il Quirinetta è un’opera architettonica di valore assoluto alla quale è giusto ridare vita” (http://www.romatoday.it/eventi/quirinetta-teatro-stagione-2011-2012.html)

Leggi tutto...

belli3Per il mese di maggio, il “suo” Cartellone Teatrale prevede  “Io, Ludwing Van Beethoven” per la regia di Corrado D’Elia, “La Confessione” dall’adattamento di Mino Manni e la regia di Alberto Oliva, e un saggio conclusivo degli allievi del corso di drammaturgia dal titolo “Officina Teatrale – Cantiere di Scrittura e Collaudo”.  E mentre lo sguardo continua a scorrere su quel cartellone torna alla mente quella sua originalità dell’essere un piccolo teatro dal grande cuore romano.

Leggi tutto...

TeatroDue2Ha 99 posti totali in platea, 5 camerini e un palcoscenico in legno da 7, 20 metri per 5,60 metri. Dal 2003 al 2011 ha ospitato 85 compagnie e 140.000 spettatori. All’apparenza si tratta solo di una sequenza di numeri che offrono poche informazioni, ma se dalla stretta viuzza di Vicolo dei Due Macelli si accede al civico 37 ci si trova nel bel mezzo di un piccolo angolo di cultura e divertimento dove racconto e fantasia si intrecciano e si fondono regalando scenari piacevoli e così siete appena entrati nel Teatro Due Roma. Un piccolo spazio d’essai con una programmazione ammirevole e interessante: un’esperienza unica nel suo genere.

Leggi tutto...

Teatrocentrale4Musica e spettacoli dal vivo, raffinati aperitivi, cene e serate a tema: è l’atmosfera con la quale apre la stagione 2012-‘13 il Teatro Centrale Carlsberg in Via Celsa, famoso per aver ideato e proposto al pubblico della capitale l’originale formula del “Dinner Show”. Cristina Inghilleri, Direttrice del Teatro Centrale Carlsberg, attraverso questa intervista racconta come l’arte del “palcoscenico” si fonde con l’arte culinaria trasformandosi in arte del “buon vivere”.

Leggi tutto...

Teatro dellAngelo2Un cartellone ricco di novità all'insegna del divertimento intelligente. Era il luogo in cui negli anni ‘30 del secolo scorso, eh sì quasi cento anni fa, la gente del quartiere Prati andava a ballare. Quegli stessi locali furono trasformati prima in un archivio e poi in un magazzino. A seguire negli anni il vuoto e l’abbandono si impossessarono degli spazi.

Leggi tutto...

SanCarlino2Sulla terrazza del Pincio nel cuore di Villa Borghese c’è un posto un po’ magico e un po’ surreale. E’ un posto in cui i bambini diventano spettatori di favole antiche che vengono raccontate da burattini-attori o viceversa. Chissà!

E’ un luogo dove le musiche delle rappresentazioni sono suonate tra il pubblico e le voci che colorano le scene, di tanto in tanto, “parlano” il dialetto. E’ un posto dove si viaggia sulle ali della fantasia.

Il suo nome è Teatro Dei Burattini San Carlino.

Leggi tutto...

Stabiledelgiallo2La sua storia, una storia di incontri, ha inizio nel lontano 1986. Da un’idea di Giancarlo Sisti e Susanna Schemmari, nasce in Via Cassia il Teatro Stabile del Giallo.

La struttura è presto consacrata, da esperti e neofiti, a spazio per l’arte del brivido. La serata di inaugurazione apre con una delle opere teatrali più classiche, e maggiormente rappresentate a livello internazionale: Trappola per topi di Aghata Christie.

Leggi tutto...

TeatroII“Gioiello d’arte alle pendici del Campidoglio”, come lo definì Antonio Munoz, ma anche “il piccolo e accogliente teatro dal personale preparato e disponibile” come lo descrive chi ama seguire le sue stagioni. E’ il Teatro della Cometa. E si trova in Via Teatro Marcello. Lo “stabile” nacque dal volere di Anna Laetitia Pecci Blunt.

Leggi tutto...

Teatrobelli4Al di qua del Tevere, tra Ponte Sisto e Ponte Garibaldi, subito dopo l’ansa disegnata dal fiume con al centro l’Isola Tiberina, verso San Pietro, nel cuore della Roma popolare, a pochi passi da Santa Maria in Trastevere, laddove i sanpietrini “sballonzolano” solo un po’ gli occupanti delle vetture, sorge uno dei più antichi teatri romani: il Teatro G. Belli.

Tra miti e leggende, tra racconti di “seconda mano” e incontri in prima persona la storia del teatro si inerpica su 40 anni di attività e su due secoli di vita. Nella seconda metà dell’800 il Teatro G. Belli ha già una sua sede nella Chiesa del Monastero di Santa Apollonia, in Piazza Santa Apollonia.

Leggi tutto...

teatro-eliseo2La storia dell’attuale Teatro Eliseo ripercorre e si affianca, a volte evolvendosi e altre accondiscendendo, in lungo e in largo, la moda, gli atteggiamenti, e le vicissitudini di alcuni dei fatti più “popolari” non solo romani ma anche italiani.

Leggi tutto...

TeatroDeServi3“Nel teatro si vive sul serio quello che gli altri recitano male nella vita.” (Eduardo De Filippo)

E’ il 1957 quando nel pieno centro storico di Roma, a due passi dalla Fontana di Trevi e da Piazza Colonna, Eduardo De Filippo inaugura il Teatro de’ Servi.

La costruzione dell’edificio destinata ad ospitare il Teatro inizia nel 1950 nell’orto e nel giardino del convento adiacente alla parrocchia di Santa Maria. Il Teatro viene inaugurato solo sette anni più tardi, il 26 aprile 1957, da una compagnia diretta da Eduardo de Filippo, con la prima assoluta di ''De Pretore Vincenzo''.

Leggi tutto...

Toni_ServilloIl motto della stagione teatrale 2011-2012 dell'Argentina è: “Il teatro specchio dell'uomo”. Questa breve citazione tratta dalla commedia di Shakespeare, “Come vi piace”, vuole essere una dichiarazione significativa di intenti, un voler riportare al centro il vero senso del teatro. Non è un caso che il nuovo direttore artistico sia un grande ed esperto attore di teatro, Gabriele Lavia. Un compito non facile lo attende, perché il ruolo di attore e regista teatrale è comunque differente da quello di direttore; tuttavia l'esperienza gioca dalla sua parte.

Leggi tutto...

momix_olimpicoUna programmazione molta attenta e una qualità degli spettacoli di eccellenza e il gioco è fatto. La scorsa stagione si è posizionato, come conferma Lucia Bocca Montefoschi, amministratore delegato e direttore artistico, “per presenza di pubblico, a livello nazionale, nei primissimi posti, mentre, a Roma siamo secondi, con un’affluenza di oltre 140.000 spettatori” e a chi le chiede gli elementi della formula vincente, l’amministratore delegato, risponde: “Semplicissimo. Cercare proposte di altissima qualità da portare sul palcoscenico e soprattutto ottenerle”.

Leggi tutto...

TeatroValleA due passi dal Senato, nel centro di Roma, rione Sant’Eustachio, impegnato nella sua attività culturale, educativa, e ludica da ben 3 secoli, lo storico Teatro Valle non è solo un palcoscenico ma, oggi come ieri, è un simbolo. Fu simbolo di una famiglia. E’ il 1726 quando i Marchesi Capranica del Grillo commissionano all’architetto Tommaso Morelli la costruzione del teatro. Fu simbolo “perfezionato” tra i teatri di tipo medio. E’ il 7 gennaio 1727 quando Domenico Valle, a cui viene affidato il teatro, lo inaugura con la rappresentazione della tragedia Matilde di Simone Falconio Pratoli a cui seguì un fitto repertorio di prosa. Fu simbolo di successo. Nel corso di tutto il 1700, infatti, la sua fama aumentò progressivamente, tanto che riuscì a guadagnare un ruolo preminente nel sistema teatrale cittadino. Fu simbolo anche di classicità strutturale. La costruzione era interamente lignea, si presentava come un classico teatro all’italiana provvisto di cinque ordini di palchi ed un loggione, senza foyer.

Leggi tutto...

Teatro_JovinelliPiazza Guglielmo Pepe si trova in uno dei quartieri romani più multicolori, più multietnici e più “carico” dei profumi speziati sprigionati dalle cucine dei ristoranti cinesi, indiani, pakistani e giapponesi.   Si trova nel quartiere Esquilino. E poco distante, dal via vai, del mercato rionale e dalle due fermata della metro, Termini e Vittorio Emanuele, si può ammirare la facciata rosa e in stile liberty di uno tra i più noti teatri romani: l’Ambra Jovinelli. Il teatro nacque in Piazza Guglielmo Pepe nel lontano 1909, quando ancora il quartiere non era abitato e “stipato” di tante nazionalità e idiomi. Quattro palazzi, non lontani dalla Stazione Termini che sorgevano intorno a Piazza Vittorio Emanuele, divenuti con il passare degli anni otto, e poi sedici e così via. Oggi, il Teatro Ambra Jovinelli, per il suo colore esterno, fresco e primaverile, si “staglia” dalle costruzioni scure, coperte da una o più patine di smog e dal caos del traffico, fino a divenire “signore” del quartiere. Ma la sua storia, improntata sulla comicità, racconta di un’esistenza segnata da difficoltà e abbandono.

Leggi tutto...

Facciata_Teatro_dellOpera_1Il Teatro della Scala a Milano, il Teatro La Fenice a Venezia, il Teatro Petruzzelli a Bari, il Teatro San Carlo a Napoli e il Teatro dell’Opera a Roma, sono solo alcuni dei luoghi, in Italia, nati quali sedi delle rappresentazioni teatrali in musica dell’opera, dell’operetta e dei musical.

Il Teatro dell’Opera di Roma nasce 130 anni fa. Viene inaugurato la sera del 27 novembre 1880 con una fastosa riproduzione della Semiramide di Gioacchino Rossini. Ci fu grande e solenne attesa per l’avvenimento sia per la “battente” campagna pubblicitaria che anticipò  l’evento e sia perché la serata fu presenziata dai Sovrani, la Regina Margherita e il Re Umberto, e dai più noti nomi della aristocrazia romana e del mondo politico del tempo.

Leggi tutto...

EsternoBrancaccioA due passi da Piazza Vittorio, nel cuore del quartiere Esquilino, all’angolo tra due delle strade più trafficate della Capitale, Via Merulana e via Mecenate, sembra quasi di essere a Broadway tra  la 41esima  e la 53esima, nella zona definita “Theater District” che circonda Times Square. Di teatri nel quartiere romano, all’incrocio tra le due strade,  c’è ne uno solo  ma il periodo in cui fu edificato ed inaugurato, il 1916, coincide con quello dei 38 teatri di Broadway così come il suo aspetto esteriore non è molto differente da quelli newyorkesi. Ed è degli ultimi tempi la notizia che il Teatro  si è molto avvicinato a quelli d’oltre oceano anche dal punto di vista dell’offerta degli spettacoli.

Leggi tutto...

Salone_margheritaA metà strada tra Piazza di Spagna, con la sua Barcaccia, opera del Maestro Bernini,  e Via del Tritone, che prende il nome dall’omonima fontana, anch’essa opera del Bernini, si trova uno dei teatri più rinomati non solo della capitale ma dell’intera penisola. E’ il  Salone Margherita che dimora dal 1898 in Via Due Macelli, 75. Nasce con il nome di Teatro delle Vanità per volere dei fratelli Marino.

Perché Teatro delle Vanità? E chi erano i fratelli Marino? Bisogna andare indietro di oltre un secolo e leggere, attraverso le pieghe dei ricchi documenti che accompagnano la storia dell’odierno Salone Margherita, le sue origini.

Leggi tutto...

Teatroghione3Nasce nel 1980 per volere della celebre attrice Ileana Ghione (scomparsa il 4 dicembre 2005). Ha una struttura estremamente elegante e raffinata. Incarna, a pieno titolo, l’ideale del teatro classico. E’ posizionato nel cuore di Roma, in Via Delle Fornaci 37, a pochi passi da Piazza San Pietro. Ha una “compagnia stabile”. Ha un laboratorio teatrale. E il suo cartellone di spettacoli e appuntamenti per la stagione 2010/2011 è caratterizzato da una intensa programmazione e da una “filiera” di personaggi di indiscutibile valore artistico. E’ il Teatro Ghione e Moreno Sangermano, Responsabile Marketing, ne ha illustrato, passo dopo passo, scandendo i tempi in armoniosa sequenza, la storia passata, il viaggio presente e  il tempo che verrà.

Leggi tutto...

TeatroIndia1Un antico opificio dimesso. Una fabbrica tessile non più funzionante. Insomma, degli edifici industriali, non più attivi già durante lo scorso millennio, su cui si sperimentano forme contrastanti in convivenza architettonica, fa parlare di “archeologia industriale”. Che cosa succede se si prende uno di questi ex fabbricati, per esempio, uno di quelli che a Roma si affacciano sul Lungotevere dei Papareschi,  lo si svuota dal suo contenuto “produttivo” e lo si riempie di mobilia culturale,  recuperandone in toto l’involucro? Il risultato è eccezionale. Il paesaggio urbano acquista una nuova valenza mentre la collettività ne può assaporare la sua inebriante e surreale dimensione.

Leggi tutto...

Sostieni i progetti di CESVI Onlus, combatti la fame e povertà nei paesi più poveri del mondo.
Ti preghiamo solo di ricordarlo nelle ricorrenze importanti scegliendo i regali solidali di CESVI, oppure le bomboniere CESVI, tra cui le bomboniere solidali battesimo e i portaconfetti CESVI per rendere l'evento ancora più speciale.

Info testata

Il portale EZ Rome e' una testata giornalistica di carattere generalista registrata al tribunale di Roma - Numero 389/2008
Direttore responsabile: Raffaella Roani - ISSN: 2036-783X
Questo Periodico è associato all'USPI - PI 09041871006

Info contenuti

Non si dà nessuna garanzia sulla correttezza delle informazioni e si invita esplicitamente a verificarne l'attendibilità con mezzi propri.
creative commons
This opera by Ez Romeis licensed under a Creative Commons Attribuzione-Non commerciale-Condividi allo stesso modo 2.5 Italia License.

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui (informativa estesa) Informativa estesa cookie.

Chiudi avviso